Vuoi essere il primo pensiero di chi vuole il prodotto o servizio che vendi?

, , , , ,

È possibile usando i trucchi di marketing contenuti in questo articolo.


Il marketing per Professionisti e Piccole Medie Imprese, non è una corsa dove vince chi arriva primo, sparando tutte le cartucce che ha. Piuttosto va considerato come un gioco di tattica, dove devi creare una tua strategia, avendo ben chiaro nella tua testa l’obbiettivo che vuoi ottenere.

È assolutamente indispensabile costruire una tua strategia che ragioni al contrario rispetto a quello che fanno gli altri. Quando ti muovi nel marketing devi focalizzarti su quello che è il tuo scopo finale, capito quello puoi strutturare il come arrivarci.

Questo è il motivo per cui tu, Professionista o Piccolo Imprenditore, se devi vendere o promuovere la tua impresa, devi smetterla di ragionare come fanno le Big Company. Mettiamo in chiaro una cosa: “tu non sei Coca-Cola, non se Apple e non sei Tesla!” Quindi, copiare queste aziende ti servirà solamente a svuotare il conto corrente senza risultato alcuno.

Inoltre, anche copiare quello che fanno i tuoi concorrenti è una soluzione scadente, perché come detto prima, devi avere in testa l’obbiettivo dove TU vuoi arrivare.

Mettiamo caso che tu ti imbatta su un tuo concorrente che segue il sistema di newmaxLab, copiarlo sarebbe la cosa più stupida che potresti fare. Copiarlo sarebbe stupido perché ogni azione fatta, non è una cosa fine a sé stessa, ma dietro c’è un intero studio che è frutto di apprendimenti ottenuti dai migliori marketer al mondo. Quindi una virgola fuori posto, andrebbe a compromettere tutto il processo dell’azione di marketing stessa.

Tornando a noi, come stai leggendo queste righe ti sarà anche capitato di leggerne di scritte da altri, ciò detto ti sarà capitato di leggere frasi del tipo: “i 5 segreti per vendere il doppio in 30 giorni”, oppure “doppia qualità a metà prezzo”, di la verità, lo hai fatto anche tu o ti sei fatto appioppare almeno una volta.

Allora: la cosa potrebbe anche andare bene, attira l’attenzione di chi vuole aumentare le sue vendite oppure può colpire un cacciatore di sconti, ma dietro non c’è una strategia. Il problema è che questo sistema, va ad agire solamente su persone che vogliono tutto e subito, ma le persone hanno una forte difficoltà ad interfacciarsi immediatamente un venditore, perchè viene percepito come: “oh Dio, questo è qui per vendermi qualcosa” e loro magari non sono pronte a comprare.

Inoltre, se tu lavori nel “paesiello”, dopo un po’ la cosa diventa ripetitiva per non dire altro e quindi nel lungo periodo andrebbe a perdere di efficienza. Per di più, anche se la cosa potrebbe sembrarti buona perché hai la fortuna di essere l’unico che fa il tuo lavoro nella tua zona, sappi che può sempre arrivare un tuo concorrente con una strategia migliore della tua.

Lo scopo di una strategia di marketing fatta bene, è quello di tener conto dei tuoi potenziali clienti di oggi, ma soprattutto di pensare ai clienti di domani, per questo devi cominciare a ragionare a medio e lungo termine.

Ad esempio, un’iniziativa che funziona bene nel lungo periodo è quella di mantenere i clienti e i clienti potenziali, aggiornati su base mensile o quindicinale (dipende dalla tua attività) con delle informazioni dedicate alle persone che stanno pensando di acquistare qualcosa che vendi tu, senza continuare ad assillarli con offerte, offerte, offerte. Informali piuttosto su quello che succede nel tuo settore.

Le persone nella fase iniziale del loro percorso di acquisto, sono solamente alla ricerca di informazioni, non vogliono avere a che fare con te, perché sanno che tu cercherai di convincerle a comprare il tuo prodotto.

Lasciarlo andare, senza rimanere in contatto con lui però potrebbe essere fatale, perché tra 3 mesi se lui vuole comprare e tu non sei più nei suoi pensieri, compra da un altro.

La qualità reale di un’azione di marketing, la raggiungi andando ad agire su quelle persone che stanno pensando di acquistare il tuo prodotto nei prossimi mesi.

Veniamo al sodo: di seguito alcune domande che devi porti prima di spendere un solo euro su un’azione di marketing.

  1. Qual è il risultato che voglio ottenere?
  2. Le persone che entrano in contatto con me, a cosa sono interessate?
  3. Quali sono gli strumenti e i relativi fornitori che possono aiutarmi, a produrre del materiale da inviare ai miei clienti, per far sì che quando sono pronti ad acquistare pensino a me?

Due strumenti te li consiglio io: la newsletter cartacea e la newsletter via mail. Queste lettere devono essere molto specifiche e ricche di contenuto di valore. Alle persone non interessano le cose generiche, vogliono leggere qualcosa che parli di loro, vogliono leggere che tu sei riuscito a risolvere un problema che è anche il loro, vogliono leggere che tu hai creato un beneficio che è lo stesso che vorrebbero loro.

In questo articolo, scrivo il perché devi colpire una nicchia di mercato alla volta.

Se una persona non è pronta ad acquistare da te, non esiste nessun tipo di marketing suadente che possa convincerla a farlo. Purtroppo quello che vedo però, è che in molti ragionano proprio in questo senso, tentando di convincere il cliente così: “intanto compra subito, perché altrimenti nei prossimi giorni questo sconto non lo potrai più avere”.

Quello che consiglio sempre di fare ai miei clienti, quando non vendono subito ad una persona, è quello di tenere in qualche maniera il contatto: mail o addirittura indirizzo fisico. Così facendo nel corso del tempo riusciranno ad avere una lista di potenziali clienti, con i quali possono mantenere vicinanza nei mesi successivi. Consiglio anche a te questo genere liste, perché sono molto importanti, perchè se gestite nella maniera corretta ti troveri con un’importante somma di persone, che sono entrate in contatto con te nei mesi precedenti e che ti chiameranno per primo quando saranno pronte ad acquistare.

Avere una lista di “clienti caldi” (per cliente caldo si intende la persona che è già nello stato avanzato di acquisto), è il sogno di ogni imprenditore. La cosa brutta di questa lista è che non la puoi comprare da nessuna parte e quindi te la devi costruire con pazienza e raffinatezza come spiego in questo articolo.

Generata la tua lista, un altro suggerimento che ti do è quello di dividerla per prodotto o servizio che offri. Mi spiego meglio: se sei un venditore di arredamenti, devi dividere chi ti entra in negozio per rifare il soggiorno, rispetto a chi viene per acquistare una camera da letto. Fatto questo dovrai definire in quale dei due prodotti sei più bravo e soprattutto dove margini di più.

Successivamente va definita con precisione chirurgica la strategia di marketing, in modo tale che le persone appartenenti ad ogni gruppo, compiano un piccolo passo per entrare in contatto con te. E ogni piccolo passo deve essere seguito da un altro piccolo passo, che tu hai già pianificato in precedenza.

“Per certi viaggi non si parte mai quando si parte, si parte prima… A volte molto prima!”

Cit. Fulvio Ervas tratta dal libro “Se ti abbraccio non aver paura”.

Il cliente non è pronto a comprare quando tu vuoi vendere, il processo può durare anche dei mesi, durante i quali il cliente vuole raccogliere più informazioni possibili.

Il tuo lavoro in questi mesi, è quello di fare in maniera che quando lui sarà pronto all’acquisto, tu sia la sua unica scelta.

Non mollare mai…

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *