Quando pensi di aver raggiunto il successo… Crolli!

, , , , ,

Quando pensi di aver raggiunto il successo… Crolli!

Questa frase ha un effetto devastante se ci pensi. Ma come? Proprio quando ho raggiunto il successo crollo?

Si! È un amara verità!

Se pensi a quanti dei “grandi” dopo aver raggiunto l’apice della fama, siano spariti dalla circolazione la cosa è spaventosa.

Ma perché succede questo? Sostanzialmente il motivo è semplice, quando raggiungi il successo molli la presa: questo succede nella vita privata e spesso succede anche nel business.

Ci sono aziende piene zeppe di lavoro, ordini che arrivano ininterrottamente, il telefono suona in continuazione, e la fila dei clienti fuori dalla porta. Ovviamente questo è considerato successo, ma quell’essere così affaccendato purtroppo porta il titolare dell’azienda a focalizzarsi solamente su mansioni tecniche, la parrucchiera taglierà capelli perché ha l’agenda piena, idem per il ristoratori, i meccanici e TUTTI gli altri settori.

Ovvio dirai tu, non posso mica trascurare il cliente!

Assolutamente no, il cliente non va MAI trascurato, specialmente se merita.

Sta di fatto però, che se ti focalizzi solamente sul mansioni tecniche, convinto che tanto tu sei pieno di fossa-newmax

lavoro e quindi gli affari ti andranno bene perchè hai trovato il metodo,   stai scavando la fossa dove sotterrare la tua impresa.

Ti racconto in maniera brevissima la storia della Tizio & Caio (nomi falsi-storia vera)

Tizio e Caio sono rispettivamente padre e figlio e lavorano nel settore dei cancelli e ringhiere in ferro battuto. L’azienda è fondata da Tizio, che agli anni d’oro si era fatto subito spazio nel settore, diventando un punto di riferimento. Negli anni successivi,  nell’azienda di famiglia entra a far parte anche Caio, il quale segue le orme del padre anche perché, se non le segue si sente dire come ogni volta “ho sempre fatto così e cosi si continua a fare”.

I due lavorano giorno e notte, sono bravissimi e creano degli accessori in ferro battuto che possiamo definire opere d’arte, grazie anche all’attrezzatura sempre all’avanguardia. Lavorano su commissione di diverse imprese edili e addetti ai lavori, e nel raggio di parecchi km dalla loro sede sono il leader di settore.

Piano piano gli impresari, vuoi perché costruivano meno, vuoi perché avevano trovato altri fornitori non mandano più ordini alla Tizio & Caio. La Tizio & Caio è costretta a chiudere e Caio che nel frattempo si era comprato una casa, è tornato a vivere con il padre poiché non riusciva più a pagare il mutuo.

Di storie come queste nel nostro territorio ce ne sono a migliaia e sai perché? Perché se sei bravo nel tuo lavoro, non vuol dire che tu sia bravo a fare impresa.

Dove hanno sbagliato quelli della Tizio & Caio?

  • La Tizio & Caio era in mano alle imprese edili, nessun privato la conosceva;
  • Tizio è stato uno stupido, siccome lui aveva sempre fatto cosi, cosi si sarebbe continuato a fare;
  • Caio è stato un emerito coglione: ha sempre dato retta al sistema obsoleto del padre e non è mai andato a caccia di clienti.

Cerca di uscire un’attimo dalla tua posizione e prova a fare un ragionamento:

Una volta per incontrarsi con gli amici si andava al bar e ora andiamo su Facebook;

Se qualcuno deve fare un’acquisto, prima guarda i prezzi su Amazon;

Se vuoi cercare lavoro vai su Linkedin o Infojobs;

Se vuoi info su un ristorante apri TripAdvisor;

Prenoti una camera su Booking.

Molto probabilmente se anche la Tizio&Caio si fosse posizionata sul web e avesse fatto marketing in maniera professionale, a quest’ora sarebbe ancora in vita. Questo vale per qualsiasi attività! Rendiamoci conto che le persone sono connesse a internet per circa 2000 minuti al mese in media.

Ora, se dovessi farti qualche domanda, quali sarebbero le tue risposte?

  • Che sistema hai di acquisizione clienti?
  • Le persone ti cercano su Google?
  • I potenziali clienti della tua azienda, sanno che esisti?
  • Lavori solo per conto terzi e/o per i clienti che già possiedi o cerchi di averne sempre di nuovi?
  • Quando i tuoi clienti invecchieranno, le generazioni che verranno dopo come ti percepiranno?
  • Sei rispettato come professionista ho sei trattato come una pezza da piedi che deve fare subito, bene e non devi costare un cazzo?

Se ti ho rovinato la giornata sono arrivato dove volevo… E cioè a farti riflettere su quello che stai facendo. Se la tua azienda sta andando sotto terra, la responsabilità e tua, lo sai vero?

Se hai voglia di ricevere altri suggerimenti, puoi compilare il modulo che trovi in fondo alla pagina, sapremo come indirizzarti verso la strada giusta.

Non mollare mai…

Buon Branding!

Contattaci per avere delle info che nessuno ti darà mai!

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *